NOI ITALIANI ALL'ESTERO PROMUOVIAMO L'ITALIA

itToronto

CONSIGLI UTILI NEWS TRASPORTI

Coronavirus, Toronto pronta per l’eventuale emergenza sanitaria

Coronavirus

Ricordate quando avete sentito, per la prima volta, la parola Coronavirus? Un virus nuovo, una cosa nuova, di cui nessuno aveva mai sentito parlare. Era il 31 dicembre e tutti i telegiornali annunciavano i primi casi nella città di Wuhan, in Cina. Da allora i contagi si sono moltiplicati a vista d’occhio abbracciando diversi territori del nostro Pianeta. Corea, Iran, Francia, Germania, Italia e America. A Toronto, al momento, la situazione risulta essere sotto controllo. Qui gli ultimi aggiornamenti.

Coronavirus
A Toronto la situazione è sotto controllo

Coronavirus a Toronto

È il Dott. Saverio Stranges l’italiano a Toronto che ci fornisce le informazioni a riguardo. Capo dipartimento di epidemiologia di una facoltà di medicina dell’università Western Ontario, è vicino, col cuore e con la mente, agli amici, parenti e colleghi che si trovano in Italia. Ancor prima che si parlasse di pandemia, Toronto ha messo in atto tutte le misure necessarie per cercare di ridurre al minimo i contagi da COVID-19. Indossare guanti per recarsi al supermercato, mantenere la distanza di sicurezza, utilizzare disinfettanti per igienizzare tutte le superficie con cui si è a contatto. Non solo. Gli studenti provenienti dalla Cina e dall’Italia sono stati costretti a osservare la quarantena di 14 giorni. Al  momento la città canadese registra 29 casi positivi al Coronavirus e tutto è pronto per un’eventuale sviluppo della pandemia.

I trasporti e le raccomandazioni

Nel frattempo, la compagnia aerea canadese Air Canada ha annunciato la decisione di sospendere i voli verso l’Italia. Il blocco è in vigore da mercoledì 11 marzo e fino al primo maggio. La compagnia ha, inoltre, reso noto la decisione di offrire un volo quotidiano da Roma verso gli scali nazionali. Tutto regolare per quanto riguarda, invece, il trasporto pubblico (treni/bus). Si raccomanda chiunque avesse viaggiato dalla provincia di Hubei (Cina), dall’Iran o dall’Italia o avesse avuto stretti contatti con una persona malata di COVID-19, di autoisolarsi. Potete contattare Toronto Public Health al numero 416-338-7600 entro le 24 ore dal vostro arrivo a Toronto. Se sviluppate qualsiasi sintomo da COVID-19 (febbre, tosse, difficoltà respiratorie) contattate Telehealth Ontario al numero 1-866-797-0000.

Epidemic
I sintomi da COVID-19 sono febbre, tosse e difficoltà respiratorie

La parola a Saverio

Ne usciremo – afferma Strangesma solo se tutti gli individui si unissero nella lotta per il contenimento di questa pandemia da Covid-19. Molti ancora ragionano in termini di rischio individuale, “cosa succede a me?”. Ecco, affinché l’emergenza rientri, dobbiamo pensare in termini di rischio collettivo: “cosa può succedere alla comunità, se noi incrementiamo il numero di contagiati, dei quali una certa percentuale, anche bassa, avrà bisogno di terapie intensive?” Poi un occhio alla sua Italia, che potrebbe diventare un modello per tutti gli altri Stati del Mondo. “Sta attuando uno dei più grandi interventi alla sanità pubblica degli ultimi decenni. Isolare 60 milioni di persone è un qualcosa che in un paese occidentale non è mai stato fatto, almeno non nel mio arco di vita.”

Saverio Stranges
Saverio Stranges, Capo dipartimento di epidemiologia di una facoltà di medicina dell’università Western Ontario

Il Dott. Saverio Stranges conclude con un messaggio di augurio e di speranza che estendiamo a tutti i nostri lettori. “Prendiamo, questa, come un’opportunità per rivedere i nostri valori di vita, le nostre priorità, anche certe false idolatrie. Spero che questo momento storico possa generare una società migliore, più umana e solidale, in cui la sanità pubblica, il bene comune, vengano messi come priorità anche dal punto di vista dei finanziamenti.”

Coronavirus, Toronto pronta per l’eventuale emergenza sanitaria ultima modifica: 2020-03-13T07:44:02-04:00 da Mariateresa Marotta
To Top