NOI ITALIANI ALL'ESTERO PROMUOVIAMO L'ITALIA

itToronto

CIBO PASSEGGIANDO QUARTIERI

In giro tra gli odori e i sapori dei quartieri etnici di Toronto

Quartieri etnici: Little India

La storia di Toronto ha radici radicate in tempi molto lontani. I primi villaggi sono datati al XVII secolo. Toronto era, all’epoca, “la terra in cui gli alberi stavano nell’acqua”. E di cammino ne ha fatto per diventare la metropoli multiculturale che è oggi. Toronto, infatti, è stata meta di diverse ondate migratorie dall’Europa, dall’Asia e dall’America Latina, principalmente. Attualmente conta una popolazione di circa 3 milioni di abitanti distribuiti nei sei distretti principali: York, East York e North York, Etobicoke, Old Toronto e, infine, Scarborough. Ma queste aree si suddividono a loro volta in altri quartieri. E sono tutti questi piccoli pezzi, ognuno con le proprie caratteristiche e peculiarità, a formare il grande mosaico della città Canadese. La presenza sul suo suolo di popoli provenienti da varie parti del mondo ha portato alla nascita di numerosi quartieri etnici. Ed proprio qui che oggi vogliamo portarvi con il nostro racconto.

Little Italy e Portugal

Di Little Italy vi abbiamo, naturalmente, già parlato. Incentrato su College Street, è il quartiere degli italiani a Toronto, sebbene un tempo se ne contavano molti di più rispetto a oggi. Ospita, però, anche comunità latinoamericane e portoghesi. Si distingue per i ristoranti e le imprese di proprietà di italo-canadesi. È qui che si trova l’Italian Walk of Fame, la chiesa di Santa Maria Maddalena e di St. Francis of Assis. Ma anche il Convento Rico Club e Portuguese Seventh-day Adventist Church. Un altro po’ di Italia lo troviamo, poi, a Corso Italia, su St. Clair Avenue West. Lo caratterizzano bar, ristoranti, gelaterie e panifici in cui assaporare la cucina del Belpaese.

Ma gli italiani non sono l’unico popolo a essersi insediato, nel corso nella storia, in questa meravigliosa città del Nord America. Come dicevamo, numerosa è anche la comunità di portoghesi in città. Si sono radunati principalmente su Dundas Street dove hanno dato vita a un Little Portugal. Il Portugal Village, com’è chiamato anche, è un’area residenziale che ospita non solo portoghesi, ma anche brasiliani. Tipiche le su case di metà secolo e i cafè.

I quartieri etnici di Chinatown e Koreatown

E tra Dundas Street e Spadina Avenue sorge un altro dei quartieri etnici più rinomati di Toronto. Quale? Chinatown, ovvio. Un tempo distretto Ebreo, cominciò a ospitare immigrati provenienti dalla Cina già dal 1950. La popolazione è andata aumentando nel corso del secolo e, di conseguenza, anche il quartiere è andato espandendosi per accogliere cinesi di seconde e terze generazioni, ma anche altri popoli dell’Est, vietnamiti e tailandesi in particolare È un centro vitale della città: abitazioni, negozi, scuole, aziende e ristoranti. Una piccola Cina nel cuore del Canada.  

Situato nei pressi di Boor Street, Koreatown ha cominciato a svilupparsi intorno agli anni ’70. Ristoranti, panifici, negozi di alimentari e agenzie di viaggio sono ancora lì. Nonostante gli oltre 50.000 Coreani registrati a Toronto (ed erano soltanto 100 cinquant’anni fa) solo un piccola parte vive a Koreatown. Un’abbondante fetta della popolazione ha dato vita recentemente a una New Koreatown, con imprese, negozi e ristoranti, a Yonge Street.

Greektown

Continuiamo il nostro giro tra i quartieri etici di Toronto ritornando con i sapori e gli odori all’Europa. Andiamo a conoscere Greektown. Sorge nel distretto di East Toronto nei pressi di Danforth Street, proprio per questo è denominato anche The Danforth. I primi immigrati Greci arrivarono dopo la prima Guerra Mondiale. Ma la popolazione aumento ancora di più intorno al 1960. Ed è in questo periodo che inizia a prendere forma il quartiere di Greektown.

quartieri etnici Danforth carlaw
Autore: Skeezix1000 – Licenza: CC BY-SA 3.0

Ogni anno ad agosto ospita il Taste of the Danforth, un festival gastronomico durante il quale provare piatti tipici della cucina greca, e non solo. E poi anche giochi, gare e intrattenimento musicale. Il tutto per enfatizzare l’arte e la cultura greca. E un modo, per i residenti, di ridimensionare la nostalgia di casa.

Little India: tra i magnifici quartieri etnici di Toronto

E per concludere il nostro viaggio in questi piccoli luoghi che ti permettono di visitare il mondo rimanendo, però, sempre nella stessa città, facciamo un salto in India. Gerrard India Bazaar, conosciuto anche come Little India, è un piccolo paradiso indiano nel distretto di Leslieville. È un quartiere commerciale nel quale pullulano ristoranti, bar, negozi di abbagliamento e alimentare in cui acquistare e assaporare la cultura non solo indiana ma anche pachistana e dello Sri Lanka.

Gerrard Street_ quartieri etnici
Autore SimonP – Licenza CC BY-SA 3.0

La sua storia nasce negli anni ’70 quando un uomo d’affari decise di aprire in questo quartiere una sala cinematografica. Il Naaz Theatre proiettava film asiatici. Nel giro di poco attirò, così, l’attenzione di altri compatrioti e turisti a visitarlo. E l’esempio di Gian Naaz fu seguito da molti altri impresari che scelsero questo angolo della città per dar vita alle proprie attività commerciali. Il teatro chiuse i battenti nel 1985. E solo cinque anni fa fu riaperto, però, con tutt’altra destinazione. Il Multani Village, come si chiama ora, è diventato un edificio con appartamenti e negozi.

Immagine in evidenza: Autore: sakura – Licenza: CC BY 2.0

In giro tra gli odori e i sapori dei quartieri etnici di Toronto ultima modifica: 2020-01-21T10:24:02-05:00 da Serena Villella
To Top